Birre IPA

Migliori Birre IPA Italiane: un tour tra le IPA della penisola

La Birra IPA è una birra piuttosto amara, perfetta per gli amanti dei gusti più forti e amarognoli. Collocandosi tra gli stili responsabili del rinascimento birrario americano, il sapore deciso e caratterizzante, ben presto è giunto in terra nostrana decretando il successo della nuova era della birra artigianale.

Birre da Manicomio

Le Migliori Birre IPA Italiane da non perdere

Le variazioni e le interpretazioni sulle birre IPA sono molteplici anche in Italia, di conseguenza nelle varie regioni della penisola si trovano produzioni molto diverse. Dunque, i bevitori incalliti della birra dal sapore così forte, non possono non conoscere i luoghi (ne è stato scelto solo uno, come rappresentativo della regione) in cui vengono realizzate le IPA migliori. Ecco una selezione delle birre IPA da non perdere.

Liguria

IPA (Italian Pale Ale) – Scarampola, che propone una variazione alla birra IPA classica, arricchendola con il pompelmo, così da enfatizzare i sentori agrumati (caratteristica predominante dei luppoli USA).

Lombardia

Wave Runner –  Hammer, offre una versione di IPA chiara, secca e molto aromatica. L’intensa luppolatura data da un mix di luppoli americani dà vita a una serie di aromi davvero unico, con richiami al mango, all’albicocca, alla pesca e agli agrumi.

Piemonte

American IPA – Canediguerra, birra anglosassone di color ambrato, che si distingue per il forte aroma fruttato e resinoso tipico dei luppoli nordamericani. Pur essendo amara risulta fresca al palato.

Veneto

Amitabh – Birrificio Artigianale Ofelia, che interpreta in chiave inglese lo stile della birra IPA, in cui cui luppoli e la base maltata si sposano alla perfezione.

Toscana

Riappala –  Piccolo Birrificio Clandestino, propone una IPA dal colore ambrato e un profumo di luppoli americani, con qualche nota floreale, dando vita a un mix di dolce e amaro.

Umbria

Suburbia (English IPA) – Fabbrica della Birra Perugia che propone una versione di luppolatura inglese. Il nome di questa birra IPA omaggio uno dei locali più incredibili mai visti sulla scena punk – rock italiana.

Marche

Breaking Hops (Double Ipa) MC-77 , molto luppolata e piuttosto alcolica, 7,2%vol.

Lazio

Follower – Ventoforte, il birrificio romano propone una versione anglofona della IPA.

Abruzzo

Overdose – Microbirrificio Opperbacco, in cui il sapore amaro è volutamente forte ed esagerato.

Molise

Dulcamara – Kashmir , un mix tra influenze inglesi e statunitensi, realizza una birra IPA grintosa e piuttosto di carattere.

Campania

Noscia –  Maltovivo Maltovivo propone la sua idea di IPA, una birra entusiasmante e intensa. Il colore ambrato chiaro tendente al rame si abbina a un sapore in cui prevalgono note fresche e fragranti di scorza di agrume e un leggero retogusto di resina mista che riporta alla mente pino ed eucalipto.

Calabria

Mericana – ‘A Magara , una birra che si ispira nuovamente alla IPA statunitense.

Birre da Manicomio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *